Le differenze tra olio minerale, semisintetico e sintetico - Cirillo Ricambi E-Commerce
Carrello
 x 
Carrello vuoto
Caratteristiche e Differenze Tra Olio Minerale, Semisintentico e Sintetico

Le differenze tra olio minerale, semisintetico e sintetico

Chi è alla guida di moto dovrebbe effettuare il rifornimento di olio e la sostituzione del filtro con una certa frequenza. Tuttavia, prima di intraprendere qualsiasi operazione, è necessario fare una distinzione tra l'olio minerale, quello sintetico e il semisintetico.

Sono tre tipologie ognuna delle quali presenta determinati vantaggi. Scopriamo cosa sono e quali sono le loro peculiarità, con i principali punti di forza da tenere in considerazione.

Olio minerale

L'olio minerale è la tipologia di lubrificante più semplice ed economica disponibile in circolazione. Esso scaturisce dalla raffinazione del greggio e presenta diverse sostanze contaminanti, quali acidi, benzene, nafta, zolfo, carbonio e metalli pesanti. È stata la tipologia di olio più utilizzata fino agli anni Ottanta, prima di lasciare spazio prima al semisintetico e poi al sintetico. Deve essere cambiato con una certa frequenza perché rischia di diventare denso in caso di temperature molto basso, oltre ad assumere una conformazione fangosa in caso di accensioni a freddo e propulsore fermo.

Olio sintetico

L'olio sintetico viene prodotto per via chimica ed è utilizzato dai motociclisti a partire dagli anni Sessanta. Contiene al suo interno una sequenza di molecole uniformate e sa reagire al meglio all'usura del motore, oltre a non presentare particolari criticità in caso di raffreddamento. Si caratterizza per un elevato potere lubrificante, che consente al propulsore di incrementare le proprie performance. Entra in difficoltà quando è a contatto con guarnizioni vecchie, dato che tende leggermente a farle trasudare mentre riempie le parti danneggiate.

Olio semisintetico

L'olio semisintetico rappresenta una via di mezzo tra quello minerale e quello sintetico. Nasce dalla raffinazione del greggio come l'olio minerale, ma tale lavoro aggiunge una serie di additivi chimici che ne alterano le caratteristiche. Ci sono polimeri che fanno migliorare l'indice di viscosità, detergenti che fanno disperdere gli acidi, sostanze che riducono gli attriti, fosfati di zinco contro l'usura e molecole antiossidanti e antiruggine che fanno durare maggiormente i pezzi di ricambio. Interessanti anche i prodotti anti-schiuma, con molecole che evitano la formazione della schiuma, e l'olio diluente, che fa lavorare al meglio la pompa dell'olio.

I vantaggi dei vari oli

Chi sceglie di affidarsi all'olio minerale ne apprezza due punti di forza principali: il basso costo e la semplicità. Tuttavia, tale tipologia sembra essere destinata lentamente a scomparire a discapito delle altre due.

L'olio sintetico viene selezionato perché non presenta alcun agente inquinante e non si usura in caso di temperature troppo fredde, garantendo un'elevata affidabilità per un arco di tempo molto lungo.

L'olio semisintetico è utile perché può essere adoperato per tutto l'anno grazie alla sua capacità di mantenere sotto controllo l'indice di viscosità in caso di variazioni della temperatura, oltre a rappresentare un'ottima via di mezzo tra gli altri due generi.

Ecco un esempio di Olio che potrai trovare nel nostro store!

 

Cerca

Scopri i nostri prodotti

Contattaci

captcha

Cirillo è leader nella vendita di ricambi e accessori per cicli e motocicli

Contatti

Telefono:

085 63 701

Fax:

085 62 339

Partita Iva:

01168910683